giovedì 1 settembre 2011

Editori a pagamento: ridiamoci su

Di pubblicare a pagamento si è parlato in più di un'occasione su questo blog: dalla disperante inchiesta di Devis Bellucci alle risorse online per il book on demand. Argomento doloroso per molti autori esordienti, questo: chi si è lasciato ingannare dal sogno della pubblicazione facile, e si è pentito; chi vorrebbe evitare la spesa, ma non riesce a trovare sbocco nei canali tradizionali; chi ha optato convinto per l'autopubblicazione, ma poi si è accorto che il suo libro non aveva nessun mercato...



Per una volta, ridiamoci (amaramente) sopra visitando il blog Editor in maniototo, curato (appunto) da un editor impiegato proprio presso un anonimo editore a pagamento, che traduce le sue giornate trascorse a rattoppare "canoscritti" in irriverenti resoconti, rime caustiche e fumetti cinici sul triste destino di aspiranti scrittori poco dotati, per di più recidivi, che sono pronti a sborsare un sacco di soldi per pubblicare il proprio romanzo impubblicabile. Il punto di vista di chi sta dall'altra parte potrà irritare qualcuno, ma noi troviamo che faccia sorridere e pensare, due cose cui è meglio non rinunciare mai.

Nessun commento: