venerdì 16 novembre 2018

5 consigli per scrivere per il web

Si può vivere scrivendo per il web? Si può essere scrittori tradizionali, e arrotondare o ampliare la propria professionalità curando i contenuti di siti, blog, magazine?
Naturalmente si può, a patto di rendersi conto di alcuni aspetti fondamentali. Il mondo del web vive di una serie di regole e di professioni (web editor, web content manager, web writer, web copywriter…) che richiedono competenze e strumenti in parte differenti rispetto all’editoria cartacea e, dunque, alla scrittura a essa indirizzata.

Ecco cinque consigli per iniziare a scrivere per internet partendo col piede giusto.

1. Sapere come si scrive un articolo per il web

Il linguaggio e la struttura di un post per un blog o un magazine non sono gli stessi, evidentemente, di quelli di un capitolo in un volume dedicato al medesimo argomento, fatte salve le differenze di taglio, pubblico e stile della piattaforma che dovrà ospitarlo. Nella maggior parte dei casi è richiesto lessico mediamente accessibile, frasi brevi, blocchi di testo che possano stare per intero dentro allo schermo di uno smartphone, intervallati da foto e link interni. Corretti dal punto di vista formale, ma soprattutto fruibili con i mezzi per i quali vengono prodotti.

2. Keyword e SEO

La scrittura per il web non è fatta solo di concetti: si basa anche su un sistema complesso di ottimizzazione per i motori di ricerca (il SEO, Search Engine Optimization) che, semplificando, comprende anche l'utilizzo di parole chiave. Può darsi che un professionista specificamente dedicato si occupi di trovare le parole chiave che sarà necessario inserire nell'articolo, ma starà a chi scrive introdurle con arte e buon senso, sottostando ad alcune regole tecniche senza far troppo trasparire l'artificialità della questione.

3. Scrivere rapidamente 

Lavorare su testi destinati al web spesso richiede tempi stretti. Per ottenere il numero atteso di accessi, un articolo per un magazine on line deve prima di tutto uscire al momento giusto. (Nella maggior parte dei casi, anche il compenso è stretto.) I testi per un sito statico promozionale hanno un comportamento differente e sono più vicini alla comunicazione pubblicitaria; generalmente i tempi per la stesura sono più rilassati, d'altro canto richiedono capacità di ascolto e un po' di psicologia per capire le esigenze del committente e consigliarlo.

4. Conoscere il mondo del web e i social

Come per tutti gli ambiti del lavoro editoriale, chi vuole scrivere per internet sarà enormemente agevolato dal fatto di avere una buona dimestichezza da fruitore con siti, blog, web magazine e social network. Imparare i concetti base che stanno alla radice della creazione e gestione di un contenitore web costituisce però un gradino in più per ampliare la propria professionalità e diventare un miglior redattore web.

5. Farsi pagare

Chi ha in mano i soldi ha vinto, si suol dire. Nel caso del telelavoro per internet, questa affermazione è particolarmente importante: si aggirano numerose e rischiose formule basate su periodi di prova, pagamento in visibilità, compenso in base agli accessi, lavoro in cambio di formazione, multilevel e simili. Talvolta soluzioni di questo genere possono avere un senso, ma meglio valutare attentamente l’attendibilità del cliente cercando tutte le informazioni possibili, e (meglio ancora) chiedere un anticipo.

Nessun commento: